Cumulo contributivo per la pensione

pensionatiUn'unica pensione con contributi diversi
Se il lavoratore ha contributi accreditati in gestioni previdenziali diverse, può ottenere una unica pensione cumulando i diversi periodi non sovrapposti. Il cumulo è gratuito e spesso rappresenta una valida, quando non l'unica, possibilità per andare in pensione. Possono aderire al cumulo contributivo i lavoratori iscritti a due o più delle seguenti gestioni previdenziali:
• Lavoratori dipendenti (assicurazione generale obbligatoria INPS);
• Lavoratori autonomi (artigiani, commercianti, coltivatori diretti);
• Gestione separata Inps;
• Gestioni sostitutive dell'assicurazione generale obbligatoria (Inpg, exEnpals, Fondo volo, fondi speciali elettrici, telefonici, autotranvieri, ecc.);
• Gestioni esclusive dell'assicurazione generale obbligatoria (ex Inpdap, ex Ipost, ecc.);


gli iscritti alle Casse dei liberi professionisti non possono utilizzare il cumulo ma possono beneficiare della totalizzazione contributiva. Il cumulo deve interessare tutti e per intero i periodi assicurativi accreditati presso le diverse gestioni, ed è esercitabile a condizione che il richiedente non sia già titolare di pensione a carico di una delle predette gestioni e non abbia maturato i requisiti per il diritto della pensione autonoma in una delle gestioni interessate dal cumulo. Con il cumulo si può ottenere solo la pensione ordinaria di vecchiaia, la pensione di inabilità, la pensione ai superstiti.
La pensione di vecchiaia con il cumulo si ottiene maturando i requisiti più elevati, di età e di contributi, tra quelli previsti dagli ordinamenti delle gestioni previdenziali coinvolte. Talvolta è necessario rispettare ulteriori requisiti previsti dall'ultima gestione previdenziale alla quale il lavoratore risulta iscritto, il più frequente è la cessazione del rapporto di lavoro. La decorrenza della pensione di vecchiaia è prevista dal primo giorno del mese successivo a quello di maturazione dei requisiti oppure, su richiesta dell'interessato dal primo giorno del mese successivo alla prestazione della domanda.
La pensione di inabilità viene concessa in base ai requisiti di assicurazione e di contribuzione richiesti nella forma pensionistica nella quale il lavoratore è iscritto al momento dell'accertamento dello stato inabilitante. Sarà questa gestione ad accertare il requisito sanitario. La possibilità del cumulo può essere esercitata per la liquidazione della pensione indiretta ai familiari superstiti di un lavoratore deceduto prima di aver acquisito il diritto il diritto a pensione. La liquidazione della pensione è conseguente al rispetto dei requisiti assicurativi e contributivi nonché ad eventuali altri requisiti richiesti nella gestione ppensionistica nella quale il lavoratore è iscritto al momento del decesso. La domanda di cumulo deve essere presentata all'ultima gestione previdenziale in cui il lavoratore è stato iscritto. Se fosse iscritto a più gestioni può scegliere la gestione presso cui presentare domanda.
Fonte articolo: "Diritti Sociali" periodico patronato INAC promosso da CIA Belluno.

e-max.it: your social media marketing partner